Bitcoin e S&P 500 Non più correlati: Mati Greenspan

Il fondatore di Quantum Economics dice che durante la pandemia c’è stata solo una „correlazione sciolta“ tra i mercati dei prodotti criptati e l’S&P 500.

L’analista di crittografia Mati Greenspan afferma che la correlazione tra gli asset di crittografia e l’S&P 500 è diminuita significativamente dopo le drammatiche vendite in tandem all’inizio della pandemia.

Nella newsletter di Quantum Economics del 5 agosto, Greenspan ha dichiarato che Bitcoin (BTC) e Crypto sono „ancora una volta in grado di rivendicare l’indipendenza dai mercati tradizionali“. Tuttavia l’analista ha anche aggiunto che anche durante le prime fasi di COVID-19 – più o meno da marzo a maggio – i mercati non sono mai stati più che „vagamente correlati“.

Il grafico seguente rappresenta la correlazione di Bitcoin Compass con l’S&P 500 su un range da 1 (correlazione perfetta) a -1 (correlazione inversa).

„Possiamo vedere chiaramente all’inizio di quest’anno, dove la correlazione ha raggiunto un picco di 0,6 a causa della svendita anticipata della multi-pandemia“, ha detto Greenspan. „Ormai, però, siamo di nuovo sotto lo 0,2, il che significa fondamentalmente che non c’è più alcuna correlazione su base giornaliera“.

I driver del mercato comune

Nonostante queste tendenze di mercato apparentemente divergenti, Greenspan ha detto che c’è almeno un fattore comune che guida sia le azioni che i beni digitali: la Federal Reserve.

„Nei periodi in cui la Fed stampa denaro, invia i prezzi al rialzo in tutti i mercati“, ha detto.

Guardando al rialzo

Greenspan ha dichiarato in un’intervista del 2 agosto di credere che „il mercato dei tori è tornato“. Il 22 luglio, Tyler Winklevoss, cofondatore dello scambio di crittografia di Gemini, ha dichiarato in un tweet che la Fed stava continuando „a preparare il terreno per la prossima corsa dei tori della Bitcoin“ con ulteriori spese di stimolo.

A partire da questo scritto, il prezzo del Bitcoin si avvicina a 11.800 dollari, essendo salito del 4,89% nelle ultime 24 ore.

Questa impennata arriva in mezzo alle aspettative che il governo degli Stati Uniti annuncerà un secondo pacchetto di stimoli il 7 agosto. I leader democratici stanno spingendo per un pacchetto di 3,4 trilioni di dollari, mentre i repubblicani ne sostengono uno del valore di 1 trilione di dollari.